Promettenti collaborazioni con le assicurazioni

In occasione del forumofac.15 che si terrà a Losanna questo venerdì 25 settembre (presso lo SwissTech Center del Politecnico federale), la società cooperativa Ofac è lieta di annunciare due nuove e importanti forme di collaborazione con le assicurazioni malattia, che contribuiranno a valorizzare, soprattutto finanziariamente, il ruolo del farmacista nella catena sanitaria.

Il primo accordo stipulato concerne una cassa malati che utilizza il sistema del terzo garante (TG), vale a dire Supra (Groupe Mutuel). Quanto convenuto mira a semplificare la gestione della fatturazione TG, ottimizzando la procedura di rimborso delle prestazioni ai pazienti, grazie a un sistema facilitato di archiviazione delle fatture e delle prescrizioni mediche nei sistemi di gestione.

Le farmacie socie Ofac che lo desiderano potranno dunque chiedere che sulla fattura inviata ai pazienti/assicurati TG sia aggiunto un codice d’identificazione Datamatrix. Quando la cassa malati riceve la fattura del paziente, e solo allora, essa potrà recuperare elettronicamente i dati richiesti per il rimborso, scannerizzando semplicemente il codice, senza dover reinserire o digitalizzare i documenti. I risparmi messi a segno dalle assicurazioni grazie a questo nuovo servizio permetteranno di attribuire ai farmacisti una retribuzione per il lavoro amministrativo svolto.

Il servizio sarà disponibile con l’inizio del 2016. In seguito, gli accordi potranno essere conclusi anche con altre casse malati che fanno capo al sistema del terzo garante.

In un secondo tempo, Ofac prevede altresì di far apporre un codice Datamatrix sullo scontrino di cassa, estendendo così il servizio anche agli assicurati TG che pagano i medicinali direttamente in farmacia.

Un secondo tipo di collaborazione, per il momento ancora in discussione con i diversi assicuratori, tra cui il gruppo CSS Assicurazione, mira a offrire al farmacista un efficace ventaglio di strumenti per la gestione e lo scambio di dati, con l’obiettivo di migliorare la qualità delle cure fornite ai pazienti seguiti durante terapie particolarmente complesse. In questo modo, grazie alle prestazioni del farmacista, l’assicurazione sarà in grado di offrire migliore assistenza agli assicurati con un elevato rischio di salute e di riconoscere tempestivamente un eventuale peggioramento del loro stato di salute. Inoltre, i differenti modelli di remunerazione sono altresì oggetto di discussione. Per l’elaborazione di questo nuovo modello la CSS Assicurazione e Ofac hanno costituito alcuni gruppi di lavoro interdisciplinari.

Quest’anno, il forumofac.15 si focalizza proprio sul rapporto che intercorre tra farmacisti e assicurazioni. Con le due forme di collaborazione proposte anche Ofac attesta la volontà di instaurare una collaborazione solida e duratura con chi paga le cure, valorizzando nel contempo il lavoro e le competenze dei farmacisti.