Ofac ridefinisce gli standard della fatturazione con StreamFact 3.0

Sempre all’ascolto dei suoi soci, Ofac ha creato una nuova versione di Streamfact e Streamfact+. Attualmente testato in alcune farmacie pilota, questo importante aggiornamento, chiamato StreamFact3.0, verrà gradualmente installato in tutte le farmacie che utilizzano questi due moduli di fatturazione a flusso continuo.

Grazie ai suoi numerosi miglioramenti, alle sue funzioni esclusive e alla sua nuova presentazione grafica, StreamFact3.0 offre vantaggi determinanti per la fatturazione quotidiana:

più ergonomico, una nuova interfaccia intuitiva e finestre di dialogo intelligenti per completare i dati da trattare;

più semplice: una fatturazione = un pagamento; il monitoraggio contabile degli invii sarà molto più facile e chiaro;

più efficace: un quadro di controllo, chiamato StreamBoard, incluso in StreamFact3.0 permetterà di visualizzare le cifre chiave dell’impresa e di aiutare il/la responsabile a prendere le decisioni giuste;

più conveniente: grazie ai nuovi processi operativi realizzati da Ofac, questa nuova versione comporta una nuova tariffa la quale prevede per la maggior parte degli utenti una riduzione del tasso di commissione fino a oltre l’11% (per es. termine di pagamento di 30 o 40 giorni, contratto di 3 anni).

StreamFact3.0 verrà introdotto a partire da quest’estate. La sua data d’installazione verrà prossimamente comunicata a ogni farmacia interessata. Questa migrazione, naturalmente senza spese per le farmacie, non comporterà alcun cambiamento nelle procedure lavorative nel front office e si svolgerà senza intoppi. Per il passaggio a StreamFact3.0 non è necessario alcun intervento da parte di un tecnico in farmacia.

«StreamFact3.0 è stato creato grazie a un lavoro intenso che ha mobilitato i nostri team per diversi mesi. Ci sono voluti un forte spirito di gruppo e una buona dose di volontà per ottenere un risultato conforme alle nostre aspettative. Siamo veramente impazienti di metterlo a disposizione dei nostri soci», afferma con entusiasmo il direttore marketing di Ofac Giovanni Jörger.