Elca e Ofac presentano una soluzione d’identificazione digitale protetta adeguata alle esigenze del settore sanitario

Elca Informatica SpA, società IT svizzera indipendente, e Ofac, la cooperativa professionale dei farmacisti svizzeri, si sono unite per creare insieme una soluzione d’identificazione digitale protetta (IdP, Identity Provider) commisurata alle esigenze del mondo della sanità. Questa soluzione si fonda sulla base tecnica Cloudtrust sviluppata da Elca, che sarà distribuita in esclusiva da Ofac sul mercato sanitario svizzero. Ofac integrerà questa soluzione nel suo progetto legato alla piattaforma di sanità digitale Abilis, previsto per l’autunno 2019, nonché nella sua cartella informatizzata del paziente (CIP) che, secondo il programma dell’UFSP, vi sarà integrata a partire dalla primavera del 2020.

La cybersicurezza e la protezione dei dati personali sono temi onnipresenti nei media, ma sono anche oggetto di preoccupazione per l’opinione pubblica. A questo riguardo, Elca e Ofac sono entrambe all’avanguardia nel loro settore specifico da numerosi anni.

Le difficoltà incontrate nel rispettare le mutevoli esigenze legali in materia di protezione della sfera privata e della sicurezza informatica sono notevoli, in particolare per quanto attiene ai dati medici personali. La legge federale sulla cartella informatizzata del paziente (LCIP) nonché la sua ordinanza (OCIP) devono poter essere applicate entro aprile 2020 su tutto il territorio svizzero. Con questa soluzione di Identity Provider, ELCA e Ofac forniscono una componente chiave dell’infrastruttura informatica necessaria. Particolarmente commisurata alle esigenze della LCIP e dell’OCIP e certificata a partire dal 2019, la soluzione permette una registrazione (reclutamento) e un’amministrazione dell’identità digitale conformi alle norme esigenti definite nella legislazione.

Elca e Ofac presentano la loro soluzione IdP con uno stand comune allo Swiss eHealth Summit 2018
(11-12 settembre 2018) che ha luogo allo Stade de Suisse di Berna, nonché in occasione della conferenza «Patient Empowerment – un nuovo ruolo per i pazienti”, il 12 settembre.